CINDERELLA - A Storia di TAM è CAM - Sezione 1

Hits: 389

LAN BACH LE THAI 1

    Longu, assai longu era un omu chì hà persu a so moglia è hà campatu cù a so zitella chjamata TAM. Dopu si maritò di novu una donna gattiva. A zitella hà truvatu questu fora u primu ghjornu dopu à u matrimoniu. C'era un grande banchettu in l'alloghju, ma TAM era chjusu in una stanza tuttu da ellu stessu invece di esse permessa di accoglie l'invitati è assistisce à a festa.

    D’altronde, duvia andà in lettu senza cena.

    I cosi anu aggravatu quandu una nova zitella era partita in casa. A matrigna adurava CAM - per CAM era u nome di a zitelluccia - è hà dettu à u so maritu chì l'omu menta nantu à u povaru TAM ch'ellu ùn averia più nunda à fà cù questu.

    «Viaghjate è stà in cucina è fate cura di voi, figliolu impertinente", Hà dettu a donna brutta TAM.

    È hà datu à a zitella un locu mischjusu in cucina, è era quì chì TAM avia da vive è travaglià. A notte, à ella vi sò datu un matte tom è una foglia stracciata cum'è be è coverlet. Hà avutu à fruttà i pavimenti, tagliatu u legnu, nutrisce l'animali, fà tuttu a cucina, u lavatu è parechje altre cose. E so poche maniche ghjuvanotte avianu piccule grossi, ma ella portava u dulore senza lagnanza. A so matra u mandò ancu in fureste profonde per chjappà u legnu cù a speranza secreta chì e bestie salvatiche puderianu alluntanà. Ella dumandò à TAM di scaccia l'acqua da i pozzi periculosamente profondi per chì puderia affucà un ghjornu. U poviru picculu TAM hà travagliatu è travagliava tuttu u ghjornu finu à chì a so pelle s'hè addibulita è i so capelli s'hè imbuttatu. Ma à volte, si n’andò à u pozzu per tirà acqua, si guardò in ella, è era spaventata da capì quant’ella era scura è brutta. Dopu pigliò un pocu d'acqua in u bughju di a manu, lavò u visu è pettinava i so capelli lisci lisci cù i so dita, è a pelle bianca bianca apparì di novu, è pareva veramente bella.

    Quandu a matrigna s'addunò di quantu putente TAM puderia guardà, l'odiava più chì mai, è hà vulsutu di fà di più male.

    Un ghjornu, hà dumandatu à TAM è a so propria figliola CAM per andà à pescà in u stagnu di u paese.

    « Pruvate per uttene quant'è pussibule », Disse. « Sì vultate cun uni pochi di elli, vi sarete sbulicati è esse mandati in lettu senza cena. "

    TAM sapia chì e parolle eranu significate per ella perchè a matrigna ùn batta mai CAM, chì era a mela di i so ochji, mentre ella sempre flogged TAM cum'è duru.

    TAM hà pruvatu à piscià dura è à a fine di u ghjornu, uttene un cestine pienu di pesci. Intantu, CAM passò u so tempu à lampassi si in l'erba tendra, baschendu in u sole di guerra, coglie fiori salvatichi, ballendu è cantendu.

    U soli prima di a CAM avia ancu iniziatu a so pesca. Fighjò a so cestera viota è hà avutu una idea luminosa:

    « Soru, surella », Disse à TAM,« I vostri capelli sò pieni di fangu. Perchè ùn entri micca in acqua fresca è uttene un lavu di goc per sguassà? Altrimenti a mamma ti va a disprezzà. »

    TAM hà ascultatu i cunsiglii è hà avutu una bona lavata. Ma in u frattempu, CAM hà messu u pesciu di a surella in u so canna è andò in casa cusì prestu.

    Quandu TAM hà rializatu chì i so pesci eranu stati arrubati, u so core s'hè affundatu è ella cuminciò à chianciari amara. Certamente, a so matrigna avissi castigà duramente a so notte!

    Di colpu, sbuffò un ventu frescu è dolce, u celu pareva più puro è i nuvuli si acchianu più grossi è davanti à ella stava à fustu sorridente Deessa di Misericordia, purtendu cun ella un ramu verde di salice verde.

    « Chì ci hè di quistione, caru figliolu? »Dumandò lu Goddes in una dolce voce.

    TAM hà datu un cuntu di a so disgrazia è hà aghjustatu « Most Noble Lady, chì aghju da fà a notte quandu sò in casa? Aghju paura di a morte, perchè a mo matrigna ùn mi crede micca, è mi flurgerà assai, assai dura. "

    lu Deessa di Misericordia cunsulallu.

    « A vostra disgrazia serà finita prestu. Avè cunfidenza in mè è animate. Avà fighjate à a vostra cestera per vede se ci hè mancu qualcosa? »

    TAM fighjulava è hà vistu un bellu pesce chjucu cù alette rosse è occhi d oru, è hà messu un pocu chiancinu di sorpresa.

    lu dea a dicia di piglià u pesciu in casa, mette lu in u pozzu in u daretu di a casa, è u nutriscia trè volte à ghjornu cù ciò chì puderia salvà da u so propiu alimentu.

    TAM hà ringraziatu u dea più ringraziatu è hà fattu esattamente cumu s'era detta. Ogni volta chì andava in u pozzu, u pesciu apparisce nantu à a superficia per salutà. Ma qualchissia altru vene, u pesciu ùn si manifisteria mai.

    U stranu cumportamentu di TAM hè stata nutata da a so matrigna chì a spiava, è hè andatu in u pozzu per circà u pesciu chì s'amuse in l'acqua profonda.

    Decidì à dumandà à TAM di andà in una molla luntana per chjappà acqua è, apprufittendu di l'absenza, si mette a roba stracciata di l'ultima, andò à chjamà u pesciu, u tumbò è a cecciò.

    Quandu a TAM hè tornata, hè andata à u pozzu, chjamatu è chjamata, ma ùn ci era micca pesciu per vede fora di a superficia di l'acqua maculata di sangue. Appughjò a testa contr'à u pozzu è chianciava in u modu u più miserabile.

    lu Deessa di Misericordia apparsu di novu, cù una faccia dolce cum'è una mamma amante è a cunsulò:

    « Ùn plama micca, u mo figliolu. A to matrastra avia uccisu i pesci, ma duvete pruvà à truvà i so osse è a sappieru in a terra sottu u vostru tappettu. Qualunque sia ciò chì vulete acquistà, prega per elli, è u vostru desideriu sarà cuncessu. »

    TAM seguita i cunsiglii è hà aspittatu l'ossi di pesci in ogni locu ma ùn pudia truvà nimu.

    « Cluck! cluck! »Disse una gallina: Da mi un pocu di paddy è vi mustrarà l'osse. »

    TAM hà rigalatu una manata di paghjella è a gallina hà dettu:

    « Cluck! cluck! seguitate mi è ti purtaraghju in locu. "

    Quand'ellu ghjunghjianu à a curcina, a gallina hà scrutatu un munzeddu di foglie giovani, hà scupertu l'osse di pisci chì TAM hà riunitamente felice è intarratu in modu adattu. Ùn era micca longu à avè otturatu d'oru è di ghjuvelli è vestiti di tali materiali meravigliosi chì anu rallegratu u cori di qualsiasi ghjovana.

    quandu u Festival di Autunno hè ghjuntu, a TAM hà dettu di stà in casa è esaminà e duie grande cestine di fagioli neri è verdi chì a so nuttata matrigna aveva mischiata.

    « Pruvate per fà u travagliu », Hè stata dettu,« prima di pudè andà à assistisce à u Festival. "

    Allora a matrigna è a CAM anu messu i so vestiti più belli è surtite da e soie.

    Dopu avè andatu un bellu caminu, TAM alzò a so faccia lacrima è pricava:

    « O, Deessa Benefetta di Misericordia, per favore, aiutami. »

    Subbitu, l'ochji grossi dea apparsu, è cù u so ramu di salice verde magicu, trasfurmò e mosche in pappaghjoli chì sorte i fagioli fora per a zitella. In pocu tempu, u travagliu hè stata fattu. TAM si seccava e lacrime, si sò arricchiti in un vestitu chjaru blu è argentu. Avà pareva bella cum'è Princess, è andò à u Festiventu.

    CAM era assai surprisa di vedela è murmurò à a so mamma:

    « Hè sta signora ricca micca strana cum'è a mo surella Tam? »

    Quandu TAM s'interpretò chì a so matrigna è CAM u guardavanu curiosamente, si scappò, ma in una furia chì lasciava una di e so belle pantofole da caccia i suldati è purtò à a King.

    lu King Esaminò currettamente è dichjaratu ch'ellu ùn avia mai vistu un tali opere d'arte prima. Ellu hà fattu e donne di i Palazzu pruvà, ma a scarpa era troppu chjuca ancu per quelli chì avianu i pedi più chjuchi. Allora hà urdinatu à tutte e donne nobili di u regnu chì a pruvassinu ma a scarpa ùn s'appuntassi à nimu. In fine, a parolla hè stata mandata chì a donna chì pudia purtà u calzariu diventeria Queen, vale à dì Prima sposa di u rè.

    Finalmente, TAM hà avutu un tentativu è a scarpa s'hè adattata perfettamente. Dopu portava i dui scarpi, è si apparsu in u so splendore vestitu blu è d'argentu, vedendu estremamente belli. Dopu fù andata à Court cù una grande scorta, diventò Queen è hà avutu una vita incredibilmente brillanti è felice.

NOTES:
1 : A Prefazione di RW PARKES introduce LE THAI BACH LAN è i so libri di nuvelli: "Mrs. Bach Lan hà riunitu una selezzione interessante di Legendi vietnamiti per quale aghju piacè di scrive un predefinitu breve. Sti cunti, ben tradutti è simplici da l'autore, anu un incantu considerableu, derivatu in nica parte da u sensu chì trasmettenu di situazioni umane familiare vestite in un vestitu exoticu. Quì, in ambienti tropicali, avemu amatori fideli, mullose gelose, matrighe scunnisciute, e cose da quandu sò tanti storii populari occidentali. Una storia hè daveru Beal torna una volta Credu chì questu libru truverà numerosi lettori è stimulerà l'interessu amichevule in un paese chì i so prublemi attuali sò regrettamente più cunnisciuti cà a so cultura passata. Saigon, u 26 di ferraghju 1958. "

2 : ... aghjurnamentu ...

BAN U TU
07 / 2020

NOTES
◊ Contenutu è immagini - Fonte: Legendi vietnamiti - Madama LT. BACH LAN. Kim Lai An Quan Editori, Saigon 1958.
◊ L'imàgine seppiate prisentate sò state stabilite da Ban Tu Thu - thanhdiavietnamhoc.com.

VEU TALLAHU:
◊ Versione vietnamita (vi-VersiGoo) cù Web-Voice: DO QUYEN - Câu chuyen ve TINH BAN.
◊ Versione vietnamita (vi-VersiGoo) cù Web-Voice: Câu chuyen ve TAM CAM - Phan 1.
◊ Versione vietnamita (vi-VersiGoo) cù Web-Voice: Câu chuyen ve TAM CAM - Phan 2.

(Accolta hà visitatu 1,176, visita di 3 oghje)
en English
X