Alcune Storie Breve Vietnamite In Significatu Riccu - Sezione 1

Hits: 3211

GEORGI F. SCHULTZ1

Little Statista Ly

   Ci era una volta un famosu Stati-omu vietnamita chì u nome era LY. Era assai cortu di statura; in fattu, era tantu curtu chì a cima di a testa ùn era più alta da a cintura di l'omu.

  Statesman LY hè statu mandatu à China per risolve un prublema puliticu assai impurtante cù quella nazione. Quandu u Mpiraturi di Chine lampò u sguardu da a so U tronu di u Dragone è videndu stu picculu omu, hà esclamatu: "Sò i vietnamiti cusì chjucchi?"

   LY hà rispostu: "Sire, in Vietnam, avemu tramindui omi chjucu è grossi. I nostri ambasciatori sò scelti in cunfurmità cù l'impurtanza di u prublema. Cum'è questu hè un picculu fattu, m'anu mandatu à negocià. Quandu ci hè un grande prublema trà noi, manderemu un omu grande per parlà cun voi. "

   lu Mpiraturi di Chine ponderatu: "Se i vietnamiti cunzidenu stu prublema impurtante solu una piccula cosa, devenu esse veramente un populu grande è putente. "

   Dunque, riduce e so dumande è a materia hè stata stallata allora e culà.

U Signore è U Mandarinu

  In a capitale di Vietnam C'era una volta un certu sarto chì era rinumatu per a so cumpetenza. Ogni vestitariu chì surtia da a so buttrega avia da adattà perfettamente à u cliente, independentemente di u pesu di quest'ultimu, di custruisce, di l'età o di u cuscinamentu.

  Un ghjornu, un altu mandarinu hà mandatu per u sastrellu è hà urdinatu un mantellu ceremonial.

   Dopu à piglià e misure necessarie, u maileru hà dumandatu cù rispettu à a mandarina quant'ellu era statu in serviziu.

  "Chì hà da fà cù a taglia di a mo vistita?"Ha dumandatu u mandarinu.

  "Hè di gran impurtanza, sire,"Rispondeva a sara. "Sapete chì un mandarinu di novu nome, impressiunatu cù a so propria impurtanza, porta a testa alta è u pettu fora. Avemu da piglià questu in cunsiderazione è tagliate u lappettu posteriore più breve ch'è u fronte.

  '' Più tardi, à pocu à pocu allargemu u lappettu posteriore è accurzemu u frontale; i purpetti sò tagliati esattamente a stessa lunghezza quandu a mandarina ghjunghje à u puntu di a mità di a so carriera.

  "Infine, quandu chjachjitu cù a fatica di longi anni di serviziu è a carica di l'età, aspira solu à unisce à i so antenati in u celu, a veste deve esse fatta più longu in u spinu cà in u fronte.

  "Allora vedi, sire, chì un vestitore chì ùn cunnosci micca l'anzianità di i mandarini ùn li pò manghjà currettamente."

U giuventu cecu

   Ci era una volta un ghjovanu bellu chì era orgu da a nascita, ma perchè i so ochji parevanu abbastanza normali, assai persone eranu cuscenti di u so afflettu.

   Un ghjornu si n'andò in casa di una ghjuvanetta à dumandà à i so genitori per a so manu in matrimoniu. L’omi di a casa stavanu per surtì à travaglià in i campi di risu, è per dimustrà a so industria, hà decisu di unisce à elli. Si tramindia daretu à l'altri è hà sappiutu fà a so parte di u travagliu di u ghjornu. Quandu era ghjuntu u tempu di finisce per a ghjurnata tutti l'omi si affacciavanu in casa pè u pranzu di a sera. Ma u cecu perde u cuntattu cù l'altri è cascò in un pozzu.

   Quandu u invitatu ùn hè micca appare, a futura matri hà dettu: "Oh, quellu cumpagnu serà un giuvanottu bellu perchè mette in un travagliu un ghjornu sanu. Ma hè veramente u tempu per ellu per piantà oghje. Ragazzi, esce à u campu è li dici di vultà per cena. "

   L'omi si ridimenu à stu compitu ma si alluntanonu è l'anu cercatu. Mentre passavanu u pozzu, u cecu hà scurdatu di a so cunversazione è hà statu capace di sclamassi è di seguità a casa.

   A cena, u cecu era assittatu à fiancu à a so futura matri, chì carghjò u so piattu cù cibo.

   Ma tandu u scumpientu hè attaccatu. Un ghjacaru grassu s'avvicinò, è hà cuminciatu à manghjà l'alimentariu da u so piattu.

   "Perchè ùn dà à quellu cane una bona schiaffia?"Dumandò a so futura matri. "Perchè u lasciate manghjà u to manghjà?"

   "Signora", Rispunnì u cecu,"Aghju troppu rispettu per u maestru è a padrona di questa casa, per attrezzà u colpu à u so cane. "

   "Pocu importa», Rispose a« signora degna ». "Eccu un mallu; se stu cane s'atreva à fastidiarvi di novu, dà un colpu à a testa. "

   Avà a sogra hà vistu chì u ghjuvanottu era cusì modestu è timido chì pareva paura di manghjà, è ùn piglià nunda da u so piattu, Averia vulia d'incuragiallu è hà sceltu alcuni dolciuti da un grande piattinu è i misi davanti. .

   Stendu à sente u fulguffu di i bastoncini contru à u so piattu, u cecu pensò chì u cane era vultatu à u fastidiu, cusì piglia u mazzinu è dò à a povera donna un colpu cusì feroce in u capu ch'ella cascò inconsciente.

   Ùn ci hè bisognu di dì chì era a fine di u so cortinaghju!

U Grande Pesce di u Cook

  U SAN2 di a tarra di u Trinità cunsideratu sè stessu un discepulu di Confuciu3.

   Un ghjornu u so cucinu hà intrutu in un ghjocu di casu, è hà persu u soldi chì era statu affidatu per a compra di u ghjornu à u mercatu. Temendu à esse castigatatu se si vultassi in casa cù e mani vuote, hà inventatu a seguente storia.

   "Questa mattina à arrivà à u mercatu, aghju nutatu un grande pesciu in vendita. Hè stata grassa è fresca - in corta, un pisci stupente. Per a curiosità, aghju dumandatu u prezzu. Era una sola fattura, anche se u pesciu era facilmente valutu dui o trè. Hè statu un veru affarone è pensendu solu à u bellu piattu chì faria per voi, ùn esitò à gastà i soldi per e disposizioni di l'oghje.

  "A meza casa, u pesciu, chì portava annantu à una linea tra i branchi, hà cuminciatu à straccià cum'è in a morte. M'arricordu l'anticu adagiu: "Un pesciu fora di l'acqua hè un pesciu mortu", è quandu mi passavu da passà un stagnu, mi fazzu arruppà si in l'acqua, sperendu à rinviviscia sott'à l'influenza di u so elementu naturale.

  "Un pocu dopu, videndu chì era ancora senza vita, l'aghju pigliatu da a linea è l'aghju tenuta in e mo dui mani. Prestu s'hè sbuffatu un pocu, hà sbattulatu, è poi cun un muvimentu rapidu sbulicatu da u mo grippatu. Aghju lampatu u bracciu in l'acqua per catturà di novu, ma cù un secco di a cola era andatu. A mi cunfissu chì eru assai stupente. "

   Quandu u cuginu avia finitu u so conte, TU SAN hà appiicatu e mani è hà dettu: "Hè perfettu! Hè perfettu!"

   Ellu hà pinsatu à a fughjata fughjita di u pesciu.

  Ma u cucinu ùn hà micca capitu capisce stu puntu è si ne lasciò, ridendu a manica. Dopu cuntinuava à dì à i so amichi cù un aria di trionfu: "Quale hè chì u mo maestru hè tantu sàviu? Aghju persu tuttu u mercatu in i carte. Allora inventi una storia, è a sciappò tutta. Quale hè chì u mo maestru hè tantu sàviu?"

   MENCIU4, u filosofu, hà dettu una volta "Una bugia plausibile pò ingannà ancu un intelettu superiore. "

VE MORE:
◊ Alcune nuvelle brevi vietnamite in significatu riccu - Sezione 2.

BAN U TU
Scrittori - 8/2020

NOTES:
1: Mr. GEORGE F. SCHULTZ, era Direttore Esecutivu di l'Associazione Vietnamita-Americana duranti l'anni 1956-1958. U Signore SCHULTZ hà dettu a rispunsabilità di a custruzzione di u presente Centru vietnamita-americanu in Saigon è pè u sviluppu di u prugramma culturale è educativu di u Associazione.

   Pocu dopu a so ghjunta in Vietnam, U Signore SCHULTZ hà cuminciatu à studià a lingua, a literatura è a storia di Vietnam è fù prestu ricunnisciutu cum’è una autorità, micca solu da i so cumpagni Miricani, perchè era u so doveru di informàli in questi sughjetti, ma da parechji vietnamita ancu. Hà publicatu articuli intitulati "A lingua vietnamita"È"Nomi vietnamiti"È ancu un inglese traduzzione di u Cung-Oan ngam-khuc, "L'apertura di un Odalisque"(Prefazione Quote di VlNH HUYEN - Presidente, Cunsigliu di Direttori Associazione Vietnamita-AmericanaLegendi vietnamitiCopyright in Giappone, 1965, di Charles E. Tuttle Co., Inc.)

2: ... aghjurnamentu ...

 NOTES:
◊ Fonte: Legendi vietnamiti, GEORGES F. SCHULTZ, Stampatu - Copyright in Giappone, 1965, da Charles E. Tuttle Co., Inc.
◊  
Ogni citazione, testi in italicu è l'imagine sepiaizata hè stata stabilita da BAN TU THU.

(Accolta hà visitatu 7,066, visita di 1 oghje)