Viet-Nam, Civiltà è Cultura - I LATTIERI, I TURISTI DI MONETE, L'ORAFFA è L'ARGENTERIA, I FONDATORI, I FONDATORI DI BRONZI, I SERRATURAI

Hits: 235

Di PIERRE HUARD1
(Membro d'onore dell'École Française d'Extrême-Orient)
è MAURICE DURAND2
(Membro dell'École Française d'Extrême-Orient3)
3ª edizione rivista 1998, Imprimerie Nationale Parigi,

      Teiu hà travagliatu nantu à stagno, zincu è stagnu. Prima di l'arrivu di l'Occidentali, a so industria era limitata à a fabricazione di picculi coni chì superanu i cappelli, tazzi d'oliu chì servenu cum'è lampade, scatuli per cuntene l'opiu è uni pochi altri utensili vari. Dopu, hà pigliatu un grande sviluppu. Mentri u travagliu u tinsmith tradiziunale ferma seduta o squatted, energicamente sfruttendu e so mani è pedi chì i dui grossi, o u big toe è u sicondu toe riunite, custituiscenu un viziu vivu, flexu è solidu. Questu permette di prisentà l'uggetti travagliati sottu à l'incidenza desiderata per l'arnesi (lima, martellu, rivet-driver) manighjate da mani chì restanu libere. Infine, in u travagliu di taglio, u ramu immubiliare di a cisella hè fissatu da u grossu, mentre chì una di e duie mani manuvra u ramu mobile è [Pagina 190] l'altra manu guida a foglia di metallo chì deve esse tagliata. A parolla "quặp" sprime l'idea di catturà un ughjettu trà u sicondu è u grossu. [Pagina 191]

RUTE DI MONETE

[Pagina 191]  Te prime monete è lingotti d'oru eranu stati fusi in Hanoi da Lưu Xuân Tín, secondu una tecnica cinese (Tín campava sottu Lê Thánh Tôn vale à dì versu u 1461).
      Te monete attuali stampate è fuse (ma micca cuniate) cuntenenu una quantità abbastanza grande di argilla mischjata cù zine.
        TA catena di fabricazione hè a siguenti (si veda ancu a fabricazione di monete (sapèques) in Revue Indochinoise, 1900).

  1. formatura di sabbia;
  2. fusione di zincu;
  3. Colata di metalli fusi in stampi;
  4. Classificazione di muniti utilizzabili.

ORAFFARI è ARGENTI

     Ti patroni di l'orefice sò i trè fratelli Trần Hòa, Trần Điện è Trần Điền chì anu amparatu a so arte in Cina versu u VI seculu.

    A commode cù cassetti, chì cuntene i materiali preziosi è l'uggetti chì travaglianu, è terminata da un soffiu horizontale cù pistone (cái bễ) basta à l'oru è l'argentu tradiziunali. A pipa di u soffiu chì esce da u pettu hè ricevutu in una cavità cavata in terra. Dui brique è uni pochi di pezzi di carbone custituiscenu un furnace. Un mazzulu di legnu armatu di metallo (búa và), punti di incisione, uni pochi di blocchi di legnu è una piccula incudine cumpletanu sta strumentazione prufessiunale. Fora di uni pochi anelli (anelli gioielli o maglie di catena), ùn ci era micca fabricazione di ughjetti massivi. Tutti i ghjuvelli sò fatti di fogli d'argentu o d'oru, più o menu grossi, travagliati in repoussé, furmati o stampati più faciuli quandu si tratta di metalli puri senza alliati. I ghjuvelli d'oru immersi sò affundati in una suluzione bollita è cuncentrata, sia di fiori di sophora (hoè) o di tai chua pericarp (Garcinia pedunculata). Dopu, unu li lava in un bagnu di zolfo assai caldu. [Pagina 191]

TINMEN

      TU patronu eredi hè Phạm Ngọc Thành chì hà introduttu a tecnica cinese in Vietnam di u Nordu versu u 1518.
      [Pagina 192] TI piatti di coccia di risu radiunali fatti di ramu martellatu, cù curve sapienti messe in alternanza, pruvucanu una tecnica perfetta, ammirata da intenditori.

FONDATORI DI BRONZE

     TL'erede patronu hè bonze Khổng Lộ chì hà amparatu a fusione di ramu in Cina è sparghje a so tecnica in u Vietnam di u Nordu versu u 1226. Ulteriori influenze straniere sò da nutà cum'è quella di Jean de la Croix, portoghese hybreed, cannon-fundatore in Huế (XVIIIu seculu). A fusione di cera persa hè sempre stata in onore. A statua di Trần Vũ (pagoda propriamente chjamata quella di u Gran Buddha in Hanoi) è l'urne dinastiche in Huế mostranu l'abilità di i fundatori di bronzu vietnamita (vede ancu Chochod, Metodi di fundazione impiegati in Annam, in BEFEO, IX, 155).

SERRATURAI

      Scultura inoid hà sappiutu lu lucadu roller e lu spring-stud, spissu impiigatu à chjude grandi pezzi di mobili. In a cultura tradiziunale vietnamita, u lucchettu hè scunnisciutu è i cancelli di e case sò chjusi da clamping, usendu bars di legnu.

Bibliography

+ J. Silvestre. Note per esse aduprate in a ricerca è a classificazione di soldi è medaglie di Annam è Cochin-china francese (Saigon, Imprimerie nationale, 1883).
+ GB Glover. I piatti di muniti Chinese, Annamese, Japanese, Korean, di e muniti utilizati cum'è amuleti di u guvernu cinese è note private (Noronha è Co Hongkong, 1895).

+ Lemire. Arti e culti antichi è muderni di l'Indocina (Parigi, Challamel). Cunferenza fatta u 29 dicembre à a Sociéte francaise des Ingénieurs coloniaux.
+ Désiré Lacroix. Numismatica annamese, 1900.
+ Pouchat. Industria di Joss-sticks in Tonquin, in Revue Indochinoise, 1910-1911.

+ Cordier. Nantu à l'arte annamese, in Revue Indochinoise, 1912.
+ Marcel Bernanose. Opere d'arte in Tonquin (Decorazione di metallo, Gioiellieri), in Revue Indochinoise, Ns 20, luglio-dicembre 1913, p. 279-290.
+ A. Barbotin. Industria di petardi in Tonquin, in Bulletin Economique de l'Indochine, settembre-ottobre 1913.

+ R. Orband. Bronzi d'arte di Minh Mạng, in BAVH, 1914.
+ L. Cadière. L'arte in Huế, in BAVH, 1919.
+ M. Bernanose. Arti decorative in Tonquin, Parigi, 1922.
+ C. Gravelle. l'arte annamese, in BAVH, 1925.

+ Albert Durier. Decorazione Annamese, Parigi 1926.
+ Beaucarnot (Claude). Elementi tecnologichi ceramichi per l'usu di sezioni ceramiche di e scole d'arte in Indocina, Hanoï, 1930.
+ L Gilbert. Industria in Annam, in BAVH, 1931.
+ Lemasson. Infurmazioni nantu à i metudi di piscicoltura in u delta tonquinese, 1993, p.707.

+ H. Gourdon. L'arte di Annam, Parigi, 1933.
+ Thân Trọng Khôi. Ruote di sollevamento di Quảng Nam e pagaie noria di Thừa Thiên, 1935, p. 349.
+ Guilleminet. Norias di Quảng Ngãi, in BAVH, 1926.
+ Guilleminet. Preparati di basa di soia in alimenti di Annamese, in Bulletin économique de l'Indochine, 1935.
+ L. Feunteun. Eclosione artificiale di l'ova di anatra in Cochinchina, in Bulletin Economique de l'Indochine, 1935, p. 231.

[214]

+ Rudolf P. Hummel. Cina à u travagliu, 1937.
+ Mercier, Strumenti di l'artighjani annamesi, in BEFEO, 1937.
+ RPY Laubie. L'imaghjini populari in Tonquin, in BAVH, 1931.
+ P. Gourou. Industria di u paese in u Delta di u Tonquinese, Cungressu Internaziunale di Geugrafia, 1938.

+ P. Gourou. Anice cinese in Tonquin (Communicatu di i servizii agriculi in Tonquin), 1938, p. 966.
+ Ch. Crevost. Conversazioni nantu à e classi di travagliu in Tonquin, 1939.
+ G. de Coral Remusat. Arte annamese, arti musulmane, in Extreme-Orient, Parigi, 1939.
+ Nguyễn Văn Tố. Faccia umana in l'arte annamese, in CEFEO, N°18, 1st trimestre 1939.

+ Henri Bouchon. Classi di travagliu indigene è articuli cumplementarii, in Indochine, 26 sept. 1940.
+ X... - Charles Crevost. Un animatore di a classe obrera tonquinese, in Indochine, u 15 di ghjugnu 1944.
+ Công nghệ thiệt hành (industrie pratiche), in Revue de Vulgarisation, Saigon, 1940.
+ Passatu. I maestri-Iacquerers di Hanoi, in Indochine u 6 di ferraghju 1941.

+ Passatu. Lacquer, in Indochine, u 25 di dicembre di u 1941.
+ Passatu. Ivory, in Indochine, u 15 di ghjennaghju di u 1942.
+ Serenu (R.) Una tecnica tradiziunale annamita: Xilografia, in Indochine, u 1 d'ottobre di u 1942.
+ Nguyễn Xuân Nghi alias Từ Lâm, Lược khảo mỹ thuật Việt Nam (Outline of Vietnamese Art), Hanoi, Thuỵ-ký Printinghouse, 1942.

+ L. Bezacier. Saggio nantu à l'arte annamita, Hanoï, 1944.
+ Paul Boudet. carta annamita, in Indochine, u 27 di ghjennaghju è u 17 di ferraghju di u 1944.
+ Mạnh Quỳnh. Origine è significazione di i woodcuts populari di Tet, in Indochine, u 10 di ferraghju di u 1945.
+ Crevost et Petelot. Catalogu di i prudutti di l'Indocina, tome VI. Tanini è tinctoriali (1941). [I nomi vietnamiti di i prudutti sò datu].

+ Agostu Chevalier. Primu inventariu di boschi è altri prudutti forestali di Tonquin, Hanoi, Ideo, 1919. (Nomi vietnamiti sò datu).
+ Lecomte. I boschi d'Indocina, Agence économique de l'Indochine, Parigi, 1926.
+ R. Bulteau. Notes nantu à a fabricazione di ceramiche in a pruvincia di Bình Định, in BAVH, 1927, p. 149 è 184 (cuntene una bona lista di diverse ceramiche di Pacificà è e so figurazioni è i so nomi lucali).
+ Despierres. abacus Chinese, in Sud-Est, 1951.

NOTES :
◊ Fonte: Connaissance du Viet Nam, PIERRE HUARD & MAURICE DURAND, Riveduta 3a Edizione 1998, Imprimerie Nationale Parigi, École Française D'Extrême-Orient, Hanoi - Traduttu da VU THIEN KIM - NGUYEN PHAN ST Archivi di Minh Nhat.
◊ Titulu di l'intestazione, maghjina seppia presentata è tutte e citazioni sò state stabilite da Ban Tu Thu - thanhdiavietnamhoc.com

VE MORE :
◊  Connaisance du Viet Nam – Versione originale – fr.VersiGoo
◊  Connaisance du Viet Nam - versione vietnamita - vi.VersiGoo
◊  Connaisance du Viet Nam - All VersiGoo (giapponese, russu, rumenu, spagnolu, coreanu, ...

BAN TU THƯ
5 / 2022

(Accolta hà visitatu 420, visita di 1 oghje)